Categories: Legno|Published On: 15 Febbraio 2024|

Parquet e riscaldamento a pavimento: sono compatibili?

Parquet e riscaldamento a pavimento

Vuoi mettere passeggiare per casa a piedi nudi e avere sempre un piacevole tepore sotto i piedi? Con il riscaldamento a pavimento è un sogno più che possibile.

Oggi il riscaldamento a pavimento ha trasformato il modo in cui viviamo e lavoriamo, diventando una delle scelte più apprezzate e diffuse al momento di costruire casa o di ristrutturare l’ufficio, una tecnica intelligente che coniuga insieme praticità, comfort ed efficienza energetica.

In questo articolo ti racconteremo tutto ciò che ti occorre sapere sul riscaldamento a pavimento e approfondiremo uno degli abbinamenti che spaventa di più: quello con il parquet in legno.

Parquet e riscaldamento a pavimento: è la scelta giusta?

Per garantire la massima compatibilità tra un parquet in legno e un sistema di riscaldamento a pavimento è importante tenere in considerazione diverse caratteristiche del parquet stesso come:

  • lo spessore: perché ci sia compatibilità un parquet deve avere uno spessore ottimale intorno ai 15 mm così da permettere una distribuzione uniforme del calore e una buona efficienza energetica
  • la stabilità dimensionale: significa che il legno del parquet scelto deve essere il più possibile resistente alle deformazioni che possono essere causate da improvvise variazioni di temperatura e umidità. I parquet in legno massello o quelli stratificati di alta qualità sono spesso scelte ideali poiché possiedono questa caratteristica
  • la conducibilità termica: il parquet non dovrebbe ostacolare la trasmissione del calore, ma al contrario deve possedere una buona conducibilità per consentire un efficiente scambio fra il pavimento e il resto della stanza
  • il livello di umidità residua: il contenuto residuo di umidità del parquet deve essere adeguato prima dell’installazione. Un parquet troppo umido potrebbe infatti asciugarsi e deformarsi a causa del riscaldamento, mentre uno troppo secco potrebbe contrarsi
  • la struttura del pavimento: la struttura sottostante il pavimento, come il sottofondo e l’isolamento, deve essere progettata per adattarsi al sistema di riscaldamento a pavimento e garantire che il calore venga distribuito uniformemente.

Ma quali sono i legni più compatibili?

In termini di tipologie di legno, alcuni legni si comportano meglio in un contesto di riscaldamento a pavimento rispetto ad altri. Le opzioni migliori sono:

Doussie

Un legno duro e resistente con una colorazione che varia dal giallo al marrone scuro, spesso con venature scure. È ottimale per il riscaldamento a pavimento grazie alla sua stabilità dimensionale e densità elevata che lo rendono particolarmente resistente all’umidità e alle deformazioni.

Iroko

Di buona durezza, è molto stabile e resistente all’usura e all’umidità, il che lo rende una scelta più che adatta. Ha una colorazione che va dal marrone al giallo dorato.

Merbau

Ha una buona durezza e resistenza agli agenti atmosferici. Ottima scelta da abbinare al riscaldamento a pavimento, ma è consigliabile porre particolare attenzione alla sua installazione per evitare problemi di espansione in seguito alla posa. Il colore può variare da marrone a rosso scuro.

Teak Asia

Un legno che regge molto bene il passare del tempo in cui mantiene intatte le sue tonalità dorate. Particolarmente stabile e resistente all’umidità e all’usura, è una scelta eccellente per il riscaldamento a pavimento.

Castagno

Un legno resistente con una colorazione che va dal marrone chiaro al marrone scuro. È adatto, ma richiede una stagionatura adeguata per prevenire eventuali deformazioni dopo la posa.

Rovere Europeo

Una scelta molto popolare per la sua bellezza e durabilità. Ha una colorazione varia che spazia dal marrone chiaro al marrone scuro con venature evidenti. È un buon accostamento al riscaldamento a pavimento grazie alla sua stabilità e alla capacità di sopportare bene le variazioni di temperatura.

Wengè

Legno molto denso e duro, con una colorazione scura e ricca. Può essere utilizzato con il riscaldamento a pavimento ma dovrebbe essere installato con attenzione data la sua particolare densità.

In generale, la scelta del legno dipende sia dal gusto estetico che dalle esigenze specifiche del progetto ma anche dal suo trattamento, come la stagionatura e la finitura, che possono influenzarne la compatibilità.

Quindi, prima di selezionare un tipo specifico di parquet se si ha intenzione di installare un riscaldamento a pavimento, è importante consultare un produttore di fiducia che ne verifichi la compatibilità. Noi di Candioli Pavimenti offriamo questo tipo di supporto a tutti i nostri clienti, dalla scelta fra i vari tipi di parquet a catalogo ai sopralluoghi e al dialogo con la ditta incaricata di installare l’impianto al fine di massimizzare il risultato del progetto.

Parquet e riscaldamento a pavimento

Parquet e riscaldamento a pavimento: comfort ed efficienza

Il riscaldamento a pavimento offre una serie di vantaggi notevoli, sia in termini di comfort che di risparmio energetico. Ecco alcuni dei principali benefici:

  • offre una distribuzione uniforme del calore su tutta la superficie della stanza, eliminando i punti troppo caldi o troppo freddi e garantendo quindi omogeneità
  • offre un comfort termico, permettendo di camminare su un pavimento piacevolmente caldo soprattutto in inverno
  • è efficiente dal punto di vista energetico perché opera a temperature più basse rispetto ai sistemi di riscaldamento tradizionali, come i radiatori, e si scalda più velocemente. Di conseguenza richiede meno energia per mantenere la temperatura desiderata, contribuendo ad un risparmio energetico e sostenibile
  • è efficiente in termini di riscaldamento poiché il calore si diffonde dal pavimento verso l’alto rendendo la temperatura dell’ambiente più uniforme, riducendo il consumo energetico e la dispersione 
  • non occupa spazio, essendo praticamente invisibile e integrato nel pavimento stesso
  • garantisce un miglior controllo della temperatura grazie a termostati programmabili che consentono di controllare con precisione la temperatura di ogni stanza
  • è una soluzione di risparmio a lungo termine, anche se l’installazione iniziale può essere costosa, nel tempo aiuta a ridurre significativamente i costi di riscaldamento, compensando così l’investimento iniziale
  • migliora la qualità dell’aria poiché non comporta la circolazione dell’aria calda come i sistemi di riscaldamento tradizionali
  • è compatibile con le fonti di energia rinnovabile, come le pompe di calore, che possono ridurre ulteriormente l’impatto ambientale.

In sintesi, il riscaldamento a pavimento non solo offre un comfort termico superiore ma è anche un’opzione ecologicamente responsabile che può portare a risparmi significativi sui costi energetici a lungo termine. È una scelta intelligente per chi desidera un ambiente caldo, vivibile ed efficiente dal punto di vista energetico.

Parquet e riscaldamento a pavimento

Parquet e riscaldamento a pavimento: idronico o elettrico?

Riscaldamento a pavimento idronico

Il sistema di riscaldamento idronico utilizza acqua calda o un miscuglio d’acqua e glicole circolante attraverso tubi posti nel sottopavimento per riscaldare l’ambiente. L’acqua calda è solitamente prodotta da una caldaia o da una pompa di calore.

È un sistema noto per la sua efficienza energetica grazie alla bassa temperatura operativa richiesta che contribuisce al risparmio energetico soprattutto quando si devono riscaldare degli spazi molto ampi. 

I punti a sfavore? L’installazione di un sistema idronico richiede un investimento iniziale più elevato rispetto a quello elettrico, in quanto coinvolge diversi tubi e una caldaia. In aggiunta, può richiedere più tempo per raggiungere la temperatura desiderata rispetto al sistema elettrico in quanto l’acqua ha bisogno di un tempo maggiore per riscaldarsi.

Riscaldamento a pavimento elettrico

Il sistema di riscaldamento elettrico invece utilizza cavi elettrici o film riscaldanti posizionati sotto il pavimento per generare calore direttamente. Il calore è quindi prodotto attraverso la resistenza elettrica. È un sistema noto per la velocità che impiega a riscaldarsi, l’ideale negli spazi più piccoli per avere un maggiore controllo sulla temperatura in stanze diverse.

I contro? Mentre il riscaldamento elettrico è efficiente nel trasformare l’energia elettrica in calore, può essere meno efficiente rispetto al riscaldamento idronico a lungo termine in termini di costi operativi. Infatti, l’installazione di un sistema elettrico è generalmente più economica rispetto a quella idronica, ma i costi operativi possono essere molto più elevati.

Parquet e riscaldamento a pavimento: l’installazione

L’installazione di un sistema di riscaldamento a pavimento abbinato a un parquet in legno è un processo complesso che richiede precisione e attenzione ai dettagli. Ecco una panoramica delle fasi tradizionali di installazione:

  1. Progettazione e pianificazione

La prima fase comprende una progettazione dettagliata del sistema di riscaldamento a pavimento e dell’installazione del parquet. Vengono definite le dimensioni esatte delle stanze, le zone di riscaldamento, la disposizione dei tubi o dei cavi elettrici e la scelta del tipo di parquet.

  1. Preparazione della superficie

La superficie del pavimento esistente viene preparata in quanto deve essere pulita, liscia e priva di detriti. Eventuali irregolarità devono essere obbligatoriamente corrette prima di procedere.

  1. Installazione del sistema di riscaldamento a pavimento

Se si tratta di un sistema idronico, i tubi in plastica o metallo vengono posizionati sotto il pavimento in un modello serpentinato o a zigzag. Vengono poi collegati alla caldaia o alla pompa di calore e testati per garantire che non ci siano perdite.

Se si tratta invece di un sistema elettrico, i cavi o i film riscaldanti vengono posizionati e fissati sulla superficie preparata. Vengono poi collegati a un termostato elettrico per il controllo della temperatura.

  1. Isolamento termico e acustico

Sopra il sistema di riscaldamento viene posizionato un materiale isolante termico e acustico per mantenere il calore e a ridurre la trasmissione del suono.

  1. Installazione del parquet

Il parquet in legno viene posizionato sopra l’isolamento termico. Questa fase richiede un’attenzione particolare poiché il parquet deve essere installato in modo preciso per garantire una superficie uniforme e senza crepe, tramite l’utilizzo di adesivi o chiodi nascosti per fissarlo.

  1. Finitura

Una volta installato il parquet, vengono eseguite le rifiniture finali come la levigatura e la lucidatura per ottenere una superficie liscia e uniforme. Viene quindi applicato un sigillante o un rivestimento protettivo per conservare il più possibile il parquet dall’usura e dai danni.

  1. Connessione al sistema di controllo

Il sistema di riscaldamento a pavimento viene quindi collegato al termostato e al sistema di controllo che consente di regolare la temperatura in ogni stanza. Da qui viene eseguita una fase di test completa per garantire che tutto funzioni correttamente.

Vuoi installare un riscaldamento a pavimento ma hai ancora molti dubbi? Prenota un appuntamento e passa a trovarci nel nostro showroom a Villa Lagarina (ottieni indicazioni), insieme scopriremo se è la soluzione giusta per te.

Ti aspettiamo!

Thomas e Nicola

Naviga tra le categorie

Dai un'occhiata agli ultimi post